Vallata sepolta da riempimenti rigati nell’altopiano Deuteronilus
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Vallata sepolta da riempimenti rigati nell’altopiano Deuteronilus
PSP_009799_2205
Inglese   

twitter  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560


Questa immagine mostra una valle nella regione Deuteronilus sepolta da materiale che ha assunto un aspetto rigato e pieno di lobi rocciosi. L’altopiano Deuteronilus si trova sul bordo settentrionale dell’Arabia Terra e confina sia con gli altopiani ricchi di crateri dell'emisfero sud, sia con le pianure povere di crateri che coprono la maggior parte dell'emisfero nord di Marte. La regione è caratterizzata da colline e altipiani circondati da falde detritiche e ampie vallate.

Molti dei fondovalle nell’altopiano Dueteronilus mostrano dei complessi allineamenti di piccole creste e fosse. La causa delle formazioni geologiche su piccola scala non è ben chiara, ma può derivare da terreni ricchi di ghiaccio o dalla perdita di ghiaccio nel terreno a causa della sublimazione (ovvero di ghiaccio che si trasforma direttamente in vapore acqueo). L'allineamento potrebbe essere stato causato dallo scivolamento verso valle del terreno ricco di ghiaccio o addirittura da ghiacciai ormai scomparsi. Ad esempio, sul nostro pianeta il movimento dei ghiacciai crea nel terreno profondi solchi e fosse a causa degli attriti generati dal ghiaccio in movimento. Il risultato è una conformazione del terreno denominata "linee di flusso" che seguono le valli e curvano attorno agli ostacoli. In questa immagine, le linee di flusso vengono deviate o incurvate intorno agli altopiani o colline.

Gli altopiani in questa immagine sono inoltre circondati da grembiuli di detriti che sembrano scorrere lontano dall’altopiano. I recenti risultati ottenuti dal SHARAD (SHAllow RADar) uno strumento installato a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter, indicano che i lobi di detriti nell’altopiano Deuteronilus sono composti da materiale ricco dal ghiaccio [Plaut et al., 2008]. I grembiuli di detriti di questa immagine sembra trovarsi sopra gli allineamenti del terreno, per cui potrebbero essere depositi più giovani del terreno sottostante.

Traduzione: Pasquale Sciarretta


 
Data di acquisizione
29 agosto 2008

Ora su Marte
3:19 PM

Latitudine (centrata)
40.3°

Longitudine (Est)
23.8°

Altitudine della sonda
299.9 km

Scala originale dell’immagine
di 30.0 cm/pixel (con 1 x 1 binning) a 60.0 cm/pixel (con 2 x 2 binning)

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord è su)

Angolo di emissione
6.1°

Angolo di fase
52.0°

Angolo di incidenza del Sole
46°, e il Sole è localizzato 44° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
119.3°, estate settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (1165 MB)

Colore IRB:
proiettato (628 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (487 MB)
non proiettato  (328 MB)

Colore IRB:
proiettato  (190 MB)
non proiettato  (490 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (355 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (343 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (474 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.