Impatto dei blocchi di tungsteno dell
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Impatto dei blocchi di tungsteno dell'MSL e dello stadio di viaggio
ESP_029245_1755
Inglese   

twitter  •  facebook  •  google+  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560
2880


Curiosity (MSL), nella configurazione di viaggio, aveva installati a bordo due blocchi di tungsteno dal peso di 75 chilogrmmi l’uno che vennero sganciati poco prima dell'entrata nell’atmosferica di Marte. Tali blocci sono stati utilizzati come masse per la stabilizzazione della rotta di viaggio. La Context Camera ha fotografato il sito previsto per l’impatto dei 2 blocchi rivelando quattro macchie ben marcate.

HiRISE ha scattato successivamente 2 foto del sito di impatto. Tali foto mostrano molti più dettagli rispetto alle immagini della Context Camera, rivelando anche un gran numero di piccoli crateri di recente formazione. In seguito è stato ricavato un mosaico da porzioni delle due immagini alla risoluzione di 0,5 m/pixel. Altre 3 immagini alla massima risoluzione di 0,25 m/pixel forniscono una visione dei quattro impatti più grandi (due di essi sono molto vicini tra loro). Nelle vicinanze del sito c'è un terreno che si estende per almeno 8 Km cosparso di piccoli crateri da impatto. Un’immagine di HiRISE, catalogata come ESP_028889_1755, mostra una serie di piccoli crateri da impatto di recente formazione, se questa immagine fa parte dello stesso sito, allora il campo di crateri si estende per circa 12 chilometri.

L’attesa era quella di vedere solo 2 impatti creati dai 2 blocchi di tungsteno, è altamente improbabile che questi 2 blocchi metallici si sono frantumati nell’atmosfera. L'unica altra fonte di impatti presente alla stessa ora e luogo è lo stadio di crociera dell’MSL, ed è anche molto probabile la sua rottura durante la caduna nell'atmosfera. Le tracce lasciate dall’impatto indicano un angolo di caduta molto obliquo, come mostrato anche dalle morfologie asimmetriche dei singoli impatti dalla forma molto allungata.

Gli impatti più grandi hanno creato crateri dal diametro stimato intorno ai 3 – 5 metri, la dimensione attesa per un bolide di 75 chilogrammi di peso. Quali dei quattro crateri sono stati create dai blocchi di tungsteno? Le dimensioni dei 2 crateri centrali sono in accordo con le stime fatte sopra, mentre gli altri due crateri sono stati create dallo stadio di viaggio dell’MSL. La miriade di altri crateri nelle vicinanze sono molto probabilmente crateri secondari creati dalla ricaduta dei frammenti sollevati durante gli impatti primari.

Sebbene siamo in possesso di centinaia di immagini di crateri di recente formazione, ciò che manca sono le informazioni su dimensione, velocità, massa e angolo di impatto dei bolidi. Al contrario, per i frammenti dell’MSL, tutte queste informazioni sono note e per tale motive lo studio di questi crateri fornisce importanti informazioni sulle proprietà dell’atmosfera e della superficie di Marte.

Traduzione: Pasquale Sciarretta

 
Data di acquisizione
22 ottobre 2012

Ora su Marte
3:38 PM

Latitudine (centrata)
-4.4°

Longitudine (Est)
136.1°

Altitudine della sonda
265.9 km

Scala originale dell’immagine
26.6 cm/pixel (con 1 x 1 binning) e gli oggetti di 80 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord è su)

Angolo di emissione
1.4°

Angolo di fase
55.8°

Angolo di incidenza del Sole
54°, e il Sole è localizzato 36° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
193.0°, autunno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (1420 MB)

Colore IRB:
proiettato (747 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (810 MB)
non proiettato  (782 MB)

Colore IRB:
proiettato  (322 MB)
non proiettato  (726 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (341 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (349 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (659 MB)
3D
Proiettato, risoluzione ridotta (PNG)
JP2 per scaricare

Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.