Curiosity, 6 giorni dopo l’atterraggio
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Curiosity, 6 giorni dopo l’atterraggio
ESP_028335_1755
Inglese   Francese   

twitter  •  facebook  •  google+  •  tumblr

AUDIO
MP3

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560
2880

HISLIDES
PowerPoint
Keynote
PDF

Questa osservazione di cui abbiamo intensificato i colori mostra il territorio circostante l’area di atterraggio del Rover su Marte presso il cratere Gale. I colori sono stati modificati per mostrare sottili differenze, e per evidenziare che la regione di atterraggio non è tanto colorata quanto le regioni più a Sud, vicino al Monte Sharp, dove Curiosity prossimamente sarà in esplorazione.

I toni che appaiono blu nella foto sono in realtà di colore più grigio.
Il rover è l’oggetto circolare ai cui lati sono identificabili gli effetti del forte spostamento d’aria provocato in fase di discesa e che sono evidenziati con il colore blu.

Nella parte inferiore dell’immagine si possono osservare le porzioni di territorio rimarcate con il blu scuro in cui compaiono le dune che separano il rover dal Monte Sharp. Il Monte Sharp, che non appare in foto, si trova fuori dai bordi inferiori dell’immagine. Il rover si trova approssimativamente a 300 metri dal limite inferiore di quest’immagine.

La fotografia è stata acquisita sei giorni dopo l’atterraggio di Curiosity ad un angolo di 30 gradi rispetto al suolo, con inclinazione verso Ovest. Un’osservazione con un’inquadratura ancor più perpendicolare al suolo verrà svolta tra cinque giorni e andrà a costituire una coppia di immagini stereo assieme a questa fotografia.

In questo ritaglio d’immagine le proporzioni corrispondono a 24 inch (62 centimetri) per pixel.

Questa è un’altra immagine di Curiosity dai colori intensificati. I colori sono stati elaborati in modo da mostrare le sottili differenze di tonalità attorno al rover, dovute alla presenza di diversi tipologie di elementi.

L’effetto provocato dal getto nella fase di discesa attorno al rover è mostrato da colori relativamente blu (la vera colorazione sarebbe maggiormente grigiastra).

La montagna al centro del cratere, denominata Monte Sharp, è localizzata fuori dai bordi dell’immagine in direzione Sud-Est. L’immagine è orientata a Nord.

Quest’immagine è stata acquisita ad un angolo di 30 gradi rispetto al suolo, con inclinazione Ovest. Un’altra fotografia maggiormente perpendicolare al terreno verrà scattata dopo cinque giorni, formando una coppia di immagini stereo con questa immagine.
In questo ritaglio d’immagine le proporzioni corrispondono a 12 inch (31 centimetri) per pixel.

Traduzione: Marco Di Paolo

 
Data di acquisizione
12 agosto 2012

Ora su Marte
3:23 PM

Latitudine (centrata)
-4.6°

Longitudine (Est)
137.4°

Altitudine della sonda
305.8 km

Scala originale dell’immagine
30.6 cm/pixel (con 1 x 1 binning) e gli oggetti di 92 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord è su)

Angolo di emissione
29.5°

Angolo di fase
80.4°

Angolo di incidenza del Sole
53°, e il Sole è localizzato 37° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
153.9°, estate settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (1798 MB)

Colore IRB:
proiettato (934 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (939 MB)
non proiettato  (699 MB)

Colore IRB:
proiettato  (306 MB)
non proiettato  (629 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (449 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (442 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (592 MB)
3D
Proiettato, risoluzione ridotta (PNG)
JP2 per scaricare

Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.