Caratteristiche particolari sui pendii delle pareti del cratere Newton
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Caratteristiche particolari sui pendii delle pareti del cratere Newton
ESP_022689_1380
Inglese   
  

Questa immagine a colori esaltati č stata generata per presentare una vista dei pendii del cratere ricoperti da LIR, cioč “linee inclinate ricorrenti”, simulando la visuale ripresa da un aeromobile che viaggi all’ interno del cratere, con l’ aggiunta di un cielo marziano artificiale.

Questa osservazione appare in un articolo del numero del 5 agosto 2011 della rivista “Science”, “Flussi stagionali su caldi pendii marziani”.

Traduzione: Roberto Gorla



CONDIVIDERE:  twitter  •  facebook  •  google+  •  tumblr
 
Data di acquisizione
30 maggio 2011

Ora su Marte
2:26 PM

Latitudine (centrata)
-41.6°

Longitudine (Est)
202.3°

Intervallo dal sito di destinazione
254.5 km

Scala originale dell’immagine
25.5 cm/pixel (con 1 x 1 binning) e gli oggetti di 76 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord č su)

Angolo di emissione
4.6°

Angolo di fase
33.3°

Angolo di incidenza del Sole
37°, e il Sole è localizzato 53° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
302.0°, inverno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (595 MB)

Colore IRB:
proiettato (302 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (276 MB)
non proiettato  (348 MB)

Colore IRB:
proiettato  (94 MB)
non proiettato  (275 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (150 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (144 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (278 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.