Piccoli Tumuli nella Chryse Planitia
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Piccoli Tumuli nella Chryse Planitia
ESP_022381_2000
Inglese   

twitter  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560


L'area mostrata in questa immagine caratterizzata da un gruppo di coni e tumuli rotondi dal diametro che va da poche centinaia di metri fino a qualche chilometro, purtroppo le loro altezze sono sconosciute.



La loro formazione potrebbe essere dovuta a sedimentazione vulcanica o deposito di magmatica. Sono necessari altri dati di HiRISE per verificare quale di queste ipotesi quella pi veritiera.

Traduzione: Pasquale Sciarretta

 
Data di acquisizione
06 maggio 2011

Ora su Marte
2:23 PM

Latitudine (centrata)
19.8°

Longitudine (Est)
322.5°

Altitudine della sonda
284.7 km

Scala originale dell’immagine
57.0 cm/pixel (con 2 x 2 binning) e gli oggetti di 171 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
50 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord su)

Angolo di emissione
0.3°

Angolo di fase
56.0°

Angolo di incidenza del Sole
56°, e il Sole è localizzato 34° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
287.4°, inverno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (110 MB)

Colore IRB:
proiettato (52 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (41 MB)
non proiettato  (60 MB)

Colore IRB:
proiettato  (11 MB)
non proiettato  (43 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (103 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (100 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (41 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.