Disgelo nella città degli Inca
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Disgelo nella città degli Inca
ESP_011544_0985
Inglese   

twitter  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560



Questa immagine mostra una regione conosciuta come "Inca City" (la città degli Inca) vicino al Polo Sud. Il suo nome deriva dalla presenza di una serie di creste rettilinee che ricordano molto le rovine di un'antica città.



Naturalmente queste creste non sono muri di pietra diroccati, tuttavia la loro origine non è nota con certezza. Le creste, molto probabilmente sono state create dall’azione erosiva del vento e la loro origine non è affatto correlata ai vicini giacimenti di ghiaccio del Polo Sud.



Uno possibile scenario sulla loro formazione è il riempimento di crepe nel terreno (forse prodotte sul fondo di un cratere da impatto) con del materiale resistente all’azione erosiva del vento, come ad esempio la roccia vulcanica. Ora, le creste sono ricoperte, molto probabilmente, da materiale polveroso. In questa immagine, scattata durante la primavera australe, le creste sono anche coperte dal ghiaccio stagionale di anidride carbonica. Le macchie scure sono zone in cui il ghiaccio è abbastanza sottile e trasparente da permettere l’osservazione del materiale sottostante oppure zone in cui il materiale più scuro proveniente da sotto il ghiaccio è stato spinto verso l’esterno e successivamente soffiato via dal vento, creando così le lunghe striature scure.



Questa immagine fa parte di una serie di immagini della stessa regione scattate al fine di monitorare per tutta la primavera e l'inizio dell'estate meridionale queste macchie scure e comprenderne meglio la loro formazione ed evoluzione assieme all’evoluzione del ghiaccio stagionale.

Traduzione: Pasquale Sciarretta

 
Data di acquisizione
12 gennaio 2009

Ora su Marte
5:14 PM

Latitudine (centrata)
-81.4°

Longitudine (Est)
295.9°

Altitudine della sonda
247.2 km

Scala originale dell’immagine
49.5 cm/pixel (con 2 x 2 binning) e gli oggetti di 148 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
50 cm/pixel

Immagine proiettata
Stereografica polare

Angolo di emissione
6.0°

Angolo di fase
79.2°

Angolo di incidenza del Sole
84°, e il Sole è localizzato 6° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
189.9°, autunno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (275 MB)

Colore IRB:
proiettato (146 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (110 MB)
non proiettato  (187 MB)

Colore IRB:
proiettato  (39 MB)
non proiettato  (167 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (273 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (245 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (149 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.